Prendersela con Dio

Un po’ di tempo fa mi è capitato di prendermela con Dio. È assurdo lo so; noi esseri piccoli, confinati in una minuscola porzione di spazio e conoscenza, con una visuale microscopica e sfocata, non abbiamo alcun modo di sapere qual è veramente la cosa migliore. Eppure vorremmo intrometterci, vorremmo imporre noi a Dio una tabella di marcia, vorremmo pianificare tutto con la presunzione di pianificare il meglio. E quando questa nostra superbia giunge al palo, ci arrabbiamo. Ci infuriamo contro quel Dio cieco e muto, lo sfidiamo, lo minacciamo, lo offendiamo.

E lui è lì, in silenzio. In silenzio davanti al nostro peccato, sulla sua croce. E ci guarda, con uno sguardo intenso. La differenza fra l’empio e il peccatore è qui, nel peccatore infine la superbia cede, le lacrime dell’umiltà sgorgano e la maestà di Dio riappare, davanti a quegli occhi piccoli e quasi ciechi. Il peccatore si pente e si prostra, sa di avere offeso il Dio dell’universo, l’onnipotente, l’altissimo, ciò di cui a orrore è il sacrilegio appena compiuto. Forse sarà punito, ma ciò che lo costerna è l’errore, l’errore metodico di aver pagato con l’odio l’amore. Tornare ad amare l’amore, l’amore che ci ha plasmato, che ci chiama, che ci ama, ecco cosa desidera il penitente, ecco dove rinasce il peccatore.