Ateismo e Satanismo, la naturale alleanza fra Margherita Hack ed il fondatore dei Bambini di Satana Marco Dimitri

Vi stupireste se vi dicessi che ateismo militante e satanismo hanno molto in comune? Io mi stupirei a questa affermazione, o almeno una volta mi stupivo. Invece queste due posizioni condividono l’essenza: l’individuo come unico giudice e metro. In fin dei conti è per questo che non può esistere una vera morale atea: se sopra l’individuo non c’è nessuno perché si dovrebbe accettare una morale che limita l’individuo? Nessuno può rispondere a questa domanda perché non esiste una risposta.

Non ho mai trovato un ateo (anche non militante) che sapesse darmi una giustificazione fondata della propria morale. Certo la maggior parte degli atei seguono una qualche sorta di morale, ma la seguono perché è stata loro insegnata, per inerzia, di modo che essa va perdendosi nelle generazioni. Infatti se non esiste una giustizia che è prima dell’uomo, da dove viene la dignità dell’altro uomo? Un sola è la domanda da porsi onestamente per capire l’intrinseca e letterale inciviltà di determinate posizioni: perché devo limitare me stesso per non danneggiare un altro uomo?

Svolte queste necessarie premesse veniamo al fatto. Ecco cosa dice Wikipedia alla voce Marco Dimitri: “Nel 2007, Marco Dimitri è diventato membro del UAAR dove ha conosciuto Margherita Hack e con lei si è candidato alle elezioni politiche 2013 nella sezione Lazio2 del partito Democrazia Atea.” Alcune considerazioni.

Detta così potrebbe sembrare un candidato fra i tanti in una sezione sperduta, se non fosse che Lazio2 è l’unica sezione in cui si presenta Democrazia Atea. Dunque non è un dato irrilevante.

Secondariamente si potrebbe pensare che quello di Marco Dimitri, fondatore dei Bambini di Satana, sia un Satanismo goliardico e strafottente, ma non è così. Da degli atei, cioè dei senza-dio, ci aspetteremmo un materialismo spinto, con visioni sataniche allegoriche sullo stile di molti culti luciferini, ma senza un insieme di credenze irrazionali. Invece «“Per quanto possa sembrare strano”, aggiungono i Bambini di Satana, “un giuramento magico sancito con il proprio sangue non può essere infranto. Nemmeno se è arso o strappato il foglio sul quale lo si è scritto. Un tale giuramento è come una via senza uscita: non si può tornare indietro”.» (M. Introvigne, I satanisti – storia, riti e miti del satanismo, Sugarco Edizioni, Milano 2010, p. 399). Dunque un giuramento magico e pure indissolubile, niente male per dei razionalisti. Veniamo ora alla cara morale atea, perché Dimitri ed i suoi collaboratori nel Vangelo Infernale (il loro testo sacro) danno una fantastica definizione di una morale senza-dio «Satana è denaro, arte e orgasmo, musica, lesbismo e tradimento. Il vero dannato se ne infischia anche dei viziosi suoi complici: li usa e li fotte.» (citato in Ibidem, p.400). Come dicevamo all’inizio se l’unico dio è l’uomo (come ribadiscono nel Vangelo Infernale) gli altri sono solo persone da usare e da fottere. Ovviamente al testo “sacro” non può mancare un elenco dei demoni esistenti (cfr. Ibidem). Per questo culto Satana è in qualche modo la materia dell’universo (cfr. Ibidem). L’individuo ha una potenza assoluta (tipico di chi non riconosce Dio). Nell’universo vige la legge del più forte, la più forte libertà sessuale (senza alcun limite morale) ed il rifiuto dei codici morali. (cfr. Ibidem p. 401).

Se continuiamo a rifiutare la giustizia, che prima aleggia sopra gli uomini, non lamentiamoci del mondo che stiamo creando. Preghiamo per il mondo; e a chi non crede ricordiamo, come ebbi già modo di dire, che quando vige la legge del più forte, il più forte è sempre, e necessariamente, qualcun altro. Buona vita.