Un gesto vigliacco e una lettera piagnucolosa non saranno il manifesto della mia generazione

La recente lettera del suicida udinese mi tocca particolarmente perché a quanto pare siamo della stessa generazione. Non ho nessuna intenzione di giudicare il ragazzo o nessun altro, il giudizio spetta a Dio. Quello però su cui ho tutta l’intenzione di esprimermi è il contenuto di quella lettera poiché è lecito, e a volte perfino doveroso, giudicare i pensieri e i fatti che accadono intorno a noi.

Vorrei portare l’attenzione in particolare su l’inizio di una frase:

“Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato”

Questo è il risultato di anni di falsità che ci vengono propinate, di anni di “carte dei diritti”, carte odiose perché parlano di ipotetici diritti senza specificare chi deve garantire questi diritti, chi è responsabile se questi diritti non ci sono. Nella pratica le carte dei diritti sono servite solo per eliminare alcuni avversari scomodi in maniera barbara fregandosene delle leggi internazionali e della giustizia. Ma a noi cosa hanno dato? Se fossimo un decimo intelligenti non chiederemmo carte dei diritti, ma carte dei doveri. Un diritto infatti non indica nulla su chi deve fare cosa, ma un dovere invece è stringente: non hai rispettato un dovere? Eccotene il conto. Certo le carte dei doveri ci metterebbero all’angolo e forse è proprio per questo che non le desideriamo. Amiamo sentirci dire “hai il diritto di essere amato”, ma è troppo duro per noi sentirci dire “hai il dovere di amare gli altri”. Ma se uno ha il diritto di essere amato significa che tutti gli altri hanno il dovere di amare. Solo che nel primo caso ci nascondiamo dietro al dito, dietro all’accusa “non mi amano”, mentre nel secondo saremmo costretti a dire a noi stessi “sono cattivo perché non amo”.

Dici “non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato”, colpa degli altri insomma, ma dimmi è il mondo con un figlio morto ammazzato che invece doveva essere consegnato a coloro che ti hanno cresciuto? E non è forse la stessa colpa originale che ha creato questo mondo, questo mondo di persone che pensano prima a sé, prima ai loro “diritti” che ai loro doveri? Tu volevi una soluzione magica, una soluzione che venisse interamente dagli altri, che salvasse il tuo destino. Ma noi miserabili (come ci definisci, ma con un termine più volgare alla fine della tua lettera) dovremmo sapere che non c’è alcun mondo dovuto, che siamo tutti nel fango a lottare e a combattere e sai perché? Perché è un nostro dovere, perché siamo stufi di questi danni schifosi che i “diritti” hanno fatto, perché non sarò io a consegnare ai miei figli un mondo ancora peggiore. Poiché se è vero che a loro non è dovuto nulla da questo mondo indifferente, è anche vero che io ho il dovere di cercare di farli stare un po’ meglio, non perché qualcuno mi obblighi, ma perché è ciò che desidero.

Pensi di essere l’unico nel pantano? Pensi che gli altri non sappiano cosa si prova ad alzarsi ogni mattina e a chiedersi cosa si potrà dare oggi alla propria famiglia? Se ci sarà il pane per tutti e per sé stessi? Pensi di essere l’unico a non potersi permettere le ferie, o il riscaldamento o i vestiti? Pensi davvero di essere così speciale? Così diverso dagli altri? Io non ti giudico, non so nulla di te oltre a quello che scrivi, ma se la tua lettera vuole essere un manifesto o anche solo un grido io la rigetto. Non sei speciale, non più di tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di avere una preparazione superiore alle nostre possibilità anche se ora dobbiamo abituarci ad una vita al di sotto del più basso dei limiti. Siamo noi trentenni che abbiamo potuto toccare vette culturali come solo pochi eletti in precedenza, ma che ora dobbiamo faticare per pochi spiccioli, per garantire a noi stessi quel poco che serve per vivere.

“Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.”

O povero, quest’epoca si permette di accantonarti! Come può mai? Una persona così speciale! Lo dico con un’amara ironia perché non posso sapere quanto eri speciale, ma posso sapere che per quanto uno sia speciale, fosse anche il più alto dei genî, non gli spetta nulla. La vita va conquistata, lo spazio non ci è dovuto, è una lotta di carne e sangue. Tu credi davvero che le persone che hanno uno spazio siano le migliori? Sono semplicemente le più tenaci, le più attaccate alla vita, quelle con il morso più saldo. Ho visto decine di persone mediocri arrivare al successo perché non hanno mai mollato e ho visto persone geniali castrare se stesse e piangersi addosso. La vita non ci deve nulla se non lo spazio che ci ritagliamo, e a volte, purtroppo, nemmeno quello.

Sei stufo dici, e probabilmente questa è l’unica verità profonda che leggo nella tua lettera. Sei stufo e ti sei arreso, non è disonorevole, lo capisco. Però la colpa non è del mondo, non è di nessuno, perché la vita è così: colpisce sempre più forte. La nostra generazione, non tutta ma in gran parte, ha sempre amato Rocky nonostante gli intellettuali lo schifassero, ora si possono vedere tanti significati in questo, ma probabilmente la realtà è che queste persone che vivevano senza sforzo non riuscivano a capire il dramma della nostra generazione. Noi però sentivamo che quella sofferenza, quella voglia di affermarsi erano reali.

Una cosa non perdono alla tua lettera: la sua impostazione, l’evidente voglia di essere un manifesto. No, suicida, non è il mio manifesto e non lo sarà mai come non lo sarà per tanti altri come me, tuoi coetanei, che vivono in un pantano esistenziale, ma che lottano e combattono per esserci ancora, perché il mondo non gli deve niente, ma loro devono tanto al futuro di coloro che amano.

Addio suicida, che questo tuo ultimo estremo gesto possa non aver ucciso la tua anima. Se ci fossi stato forse, prima o poi, avremmo potuto combattere assieme.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *