Un gesto vigliacco e una lettera piagnucolosa non saranno il manifesto della mia generazione

La recente lettera del suicida udinese mi tocca particolarmente perché a quanto pare siamo della stessa generazione. Non ho nessuna intenzione di giudicare il ragazzo o nessun altro, il giudizio spetta a Dio. Quello però su cui ho tutta l’intenzione di esprimermi è il contenuto di quella lettera poiché è lecito, e a volte perfino doveroso, giudicare i pensieri e i fatti che accadono intorno a noi.

Vorrei portare l’attenzione in particolare su l’inizio di una frase:

“Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato”

Questo è il risultato di anni di falsità che ci vengono propinate, di anni di “carte dei diritti”, carte odiose perché parlano di ipotetici diritti senza specificare chi deve garantire questi diritti, chi è responsabile se questi diritti non ci sono. Nella pratica le carte dei diritti sono servite solo per eliminare alcuni avversari scomodi in maniera barbara fregandosene delle leggi internazionali e della giustizia. Ma a noi cosa hanno dato? Se fossimo un decimo intelligenti non chiederemmo carte dei diritti, ma carte dei doveri. Un diritto infatti non indica nulla su chi deve fare cosa, ma un dovere invece è stringente: non hai rispettato un dovere? Eccotene il conto. Certo le carte dei doveri ci metterebbero all’angolo e forse è proprio per questo che non le desideriamo. Amiamo sentirci dire “hai il diritto di essere amato”, ma è troppo duro per noi sentirci dire “hai il dovere di amare gli altri”. Ma se uno ha il diritto di essere amato significa che tutti gli altri hanno il dovere di amare. Solo che nel primo caso ci nascondiamo dietro al dito, dietro all’accusa “non mi amano”, mentre nel secondo saremmo costretti a dire a noi stessi “sono cattivo perché non amo”.

Dici “non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato”, colpa degli altri insomma, ma dimmi è il mondo con un figlio morto ammazzato che invece doveva essere consegnato a coloro che ti hanno cresciuto? E non è forse la stessa colpa originale che ha creato questo mondo, questo mondo di persone che pensano prima a sé, prima ai loro “diritti” che ai loro doveri? Tu volevi una soluzione magica, una soluzione che venisse interamente dagli altri, che salvasse il tuo destino. Ma noi miserabili (come ci definisci, ma con un termine più volgare alla fine della tua lettera) dovremmo sapere che non c’è alcun mondo dovuto, che siamo tutti nel fango a lottare e a combattere e sai perché? Perché è un nostro dovere, perché siamo stufi di questi danni schifosi che i “diritti” hanno fatto, perché non sarò io a consegnare ai miei figli un mondo ancora peggiore. Poiché se è vero che a loro non è dovuto nulla da questo mondo indifferente, è anche vero che io ho il dovere di cercare di farli stare un po’ meglio, non perché qualcuno mi obblighi, ma perché è ciò che desidero.

Pensi di essere l’unico nel pantano? Pensi che gli altri non sappiano cosa si prova ad alzarsi ogni mattina e a chiedersi cosa si potrà dare oggi alla propria famiglia? Se ci sarà il pane per tutti e per sé stessi? Pensi di essere l’unico a non potersi permettere le ferie, o il riscaldamento o i vestiti? Pensi davvero di essere così speciale? Così diverso dagli altri? Io non ti giudico, non so nulla di te oltre a quello che scrivi, ma se la tua lettera vuole essere un manifesto o anche solo un grido io la rigetto. Non sei speciale, non più di tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di avere una preparazione superiore alle nostre possibilità anche se ora dobbiamo abituarci ad una vita al di sotto del più basso dei limiti. Siamo noi trentenni che abbiamo potuto toccare vette culturali come solo pochi eletti in precedenza, ma che ora dobbiamo faticare per pochi spiccioli, per garantire a noi stessi quel poco che serve per vivere.

“Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.”

O povero, quest’epoca si permette di accantonarti! Come può mai? Una persona così speciale! Lo dico con un’amara ironia perché non posso sapere quanto eri speciale, ma posso sapere che per quanto uno sia speciale, fosse anche il più alto dei genî, non gli spetta nulla. La vita va conquistata, lo spazio non ci è dovuto, è una lotta di carne e sangue. Tu credi davvero che le persone che hanno uno spazio siano le migliori? Sono semplicemente le più tenaci, le più attaccate alla vita, quelle con il morso più saldo. Ho visto decine di persone mediocri arrivare al successo perché non hanno mai mollato e ho visto persone geniali castrare se stesse e piangersi addosso. La vita non ci deve nulla se non lo spazio che ci ritagliamo, e a volte, purtroppo, nemmeno quello.

Sei stufo dici, e probabilmente questa è l’unica verità profonda che leggo nella tua lettera. Sei stufo e ti sei arreso, non è disonorevole, lo capisco. Però la colpa non è del mondo, non è di nessuno, perché la vita è così: colpisce sempre più forte. La nostra generazione, non tutta ma in gran parte, ha sempre amato Rocky nonostante gli intellettuali lo schifassero, ora si possono vedere tanti significati in questo, ma probabilmente la realtà è che queste persone che vivevano senza sforzo non riuscivano a capire il dramma della nostra generazione. Noi però sentivamo che quella sofferenza, quella voglia di affermarsi erano reali.

Una cosa non perdono alla tua lettera: la sua impostazione, l’evidente voglia di essere un manifesto. No, suicida, non è il mio manifesto e non lo sarà mai come non lo sarà per tanti altri come me, tuoi coetanei, che vivono in un pantano esistenziale, ma che lottano e combattono per esserci ancora, perché il mondo non gli deve niente, ma loro devono tanto al futuro di coloro che amano.

Addio suicida, che questo tuo ultimo estremo gesto possa non aver ucciso la tua anima. Se ci fossi stato forse, prima o poi, avremmo potuto combattere assieme.

 

Perché il Cattolicesimo ha perso la guerra, ovvero perché i Cattolici sperperano le proprie energie

Casa di PavlovIn questo periodo sembra che i Cattolici stiano prendendo un po’ più forza, che finalmente il grande popolo della Chiesa abbia alzato la testa. Non è così. Anzi si può dire che le ultime mobilitazioni, anche se esemplificative di un popolo che esiste ancora e che probabilmente è ancora maggioranza, siano il simbolo della fine della guerra. Con una sconfitta. Tante energie potrebbero forse essere parte di un nuovo inizio, ma ciò sarà impossibile senza capire fino in fondo l’essenza di questo conflitto.

1. La metafisica è tutto

Esiste un inganno fondamentale alla base di tutto. Si tratta anche di uno dei temi più complessi e quindi più difficili da comprendere, ma è necessario che chi vuole combattere coscientemente in prima linea capisca a fondo la questione. Il punto è il seguente: non si può ragionare con tutti. Per un semplice motivo: la ragione è un mezzo eccellente che parte da un punto A e ci porta ad un punto B in maniera coerente, rigorosa e giustissima. Tuttavia proprio perché è un mezzo per procedere coerentemente e per valutare la coerenza interna di un ragionamento, essa si fonda sempre su una metafisica. Per questo motivo se l’interlocutore non accetta le basi metafisiche del discorso con lui non è possibile ragionare. E, badate bene, quando parlo di metafisica non intendo necessariamente cose complesse, ma soprattutto cose semplicissime come il principio di non contraddizione che è da molti negato a parole (essendo impossibile negarlo nella pratica). Quindi non è possibile ragionare con tutti.

2. Focalizzare l’obbiettivo

Immaginate una torre d’acciaio in fase di costruzione ed immaginate al contempo che un gruppo di persone vogliano abbatterla. Immaginate ora che queste persone possano togliere alla torre 5 travi ogni giorno e che il costruttore possa porne 6 ogni notte. Infine immaginate che ogni piano di questa torre immensa poggi esattamente su 6 travi. Ora queste persone sarebbero sommamente stolte ad eliminare ogni giorno le travi dell’ultimo piano in fase di costruzione perché ogni 6 giorni il costruttore avrebbe ottenuto un nuovo piano (6 giorni equivalgono a 36 travi messe e a 30 travi tolte). Cosa dovrebbero fare allora? Semplicemente dovrebbero togliere 5 travi dalla base della torre, in maniera tale da far collassare la torre sotto il suo stesso peso. Così in un giorno cadrebbe la torre costruita in anni. Ora questa è un’analogia che non si discosta dal vero. Prendete i tempi contemporanei: i Cattolici lottano per evitare adozioni agli omosessuali e sono indifferenti ai bambini che muoiono nei grembi delle madri a causa dell’aborto. Così nel tempo i bambini muoiono e gli omosessuali trave per trave spostano la lotta. Così mentre non volete le adozioni ottenete le unioni civili, in futuro mentre non vorrete la pedofilia otterrete le adozioni. E si continuerà così per molto tempo. Non si può essere Cattolici ad interessi alterni! La dissoluzione del matrimonio è più grave dei “matrimoni” omosessuali e la morte degli innocenti è più grave della dissoluzione dei matrimoni. Quindi come mai la priorità dei Cattolici non è invertita? Prima l’aborto, poi il divorzio e infine le unioni degli omosessuali. Tuttavia nessuno oggi manifesta contro l’omicidio dei bambini, così come nessuno osa nemmeno lontanamente manifestare contro la dissoluzione della famiglia, tutti però a manifestare contro le unioni degli omosessuali. Così si attacca l’ultimo piano della torre e fra sei anni si dovrà attaccare il piano dopo senza mai fermare la costruzione. I Cattolici come buoi, dietro a discutibili capi popolo, si scagliano contro i mignoli e lasciano intatto il cuore.

Potrei anche azzardare una previsione: l’adozione dei bambini adesso non passerà, verrà bloccata e questo sarà presentato come una grande vittoria, però passeranno le unioni fra omosessuali come inevitabili; “tanto i bambini sono in salvo” ci diranno e intanto una nuova trave sarà posta. Basterà ancora aspettare qualche anno ed in futuro le adozioni passeranno in cambio di un male peggiore momentaneamente sventato. È così che si ammazzano i tori nelle corride.

3. Non tradire sé stessi

Ora immaginate che, continuando con l’esempio precedente, delle 5 travi che i Cattolici possono rimuovere ogni giorno dalla satanica torre una sia effettivamente rimossa, una venga lasciata perché una parte degli operai crede che il “progresso” sia positivo, un’altra venga lasciata perché i costruttori della torre sbagliano certamente, ma forniscono anche ad alcuni operai un lauto stipendio, un’altra venga messa di traverso in modo che sostenga l’attuale torre ma non sia d’appoggio al piano successivo, perché è tanto importante dialogare, l’ultima infine sia messa in maniera tale da non nuocere né favorire l’avanzamento della torre perché ciò che abbiamo conquistato fino ad adesso è un progresso, non si può sperperarlo! Così sarebbe impossibile danneggiare in qualche modo la torre, anzi la torre procederebbe alla velocità di più di un piano al giorno. Questa è la realtà dei Cattolici: interessi terreni e buonismo hanno disperso il gregge ed ora la Chiesa è dilaniata al suo interno ed in balia dei costruttori. Basta pensare:

  • Ai sacerdoti, anche di grado altissimo, che abbandonano il proprio gregge, chi per interesse, chi per paura di apparire avulso al mondo. Così abbiamo sacerdoti che esaltano eretici, pagani, infedeli ed apostati e attaccano e picchiano buoni credenti. Abbiamo coloro che esaltano cose malvagie e sminuiscono cose preziose, infangandole e cancellandole. Abbiamo coloro che aprono le porte alla falsità e rinnegano la verità. Guai a tutti costoro, perché, innalzati sopra gli altri, sentiranno più violentemente la caduta.
  • A coloro che pur dicendosi credenti non accettano la fede così come ci è stata tramandata. Costoro si reputano più intelligenti e migliori di tutte le menti che ci hanno preceduto negli ultimi duemila anni. In realtà propagano solo vecchie eresie e fanno marcire il corpo della Chiesa.
  • A coloro che pur dicendosi credenti non accettano obbedienti la sottomissione ai propri superiori e producono scismi. La Storia ci ha insegnato che un Papa, così come un vescovo od un sacerdote, non sono necessariamente Santi. Tuttavia solo da loro riceviamo la Santa Comunione e la Confessione per il perdono dei nostri peccati. Così abbiamo il dovere di difendere la sana dottrina, ma non abbiamo alcun diritto di creare scismi o di affrancarci dall’autorità della Chiesa.
  • A coloro che lasciano entrare nel sangue della Chiesa i suoi nemici. Costoro preferiscono Budda a Gesù, Osho a Sant’Agostino, il Talmud alla Summa, il Dalai Lama a San Gregorio. La verità è una sola.

Quando i Cristiani smetteranno di tradire se stessi? Quando smetteranno di distruggere la fede cattolica? Quando smetteranno di tradire l’alleanza che Dio ha voluto?

4. Non essere orgogliosi

Esiste una condizione drammatica nel Cattolico d’oggi ed è l’addestramento all’orgoglio che ci viene fatto da questa società. Il cristiano orgoglioso non accetta l’insegnamento dei sapienti, non accetta la parola dei vicari, rinnega le Scritture ed è immune al carisma. E, se non si accetta più il carisma dei Santi, non si accetta la testimonianza, e senza testimonianza non v’è fede. Fino a che uno pensa di essere il migliore non è aperto alla verità e per lui la verità è un’estranea.

5. Ricordare la natura della propria armata

Infine uno dei punti fondamentali che ha spinto l’esercito in rotta è questo. Ben pochi Cristiani paiono ricordare la natura della propria armata. Le nostre armi sono la preghiera ed il digiuno. I nostri soldati sono gli angeli e i testimoni. La nostra forza è Gesù Cristo. Se non torniamo all’essenza della nostra forza perderemo sempre: non se mai visto un esercito vincere senza armi.

Possa Dio salvare l’umanità.

Non esistono politici cattolici

Si fa un bel parlare da molto tempo, anche da parte di esponenti ben in vista della Chiesa, della necessità di una nuova generazione di politici cattolici. Poco conta che la ricerca di questa generazione nuova si basi su strutture vecchie, che poco hanno fatto fino ad ora e che si vorrebbero improvvisamente vive ed arzille pronte ad abbandonare tutti i difetti che hanno dimostrato di possedere fino a ieri, il vero problema è un problema di mentalità. Oggi esiste tutta una cultura dominante, che riguarda soprattutto i giovani di ieri (mi risulta difficile trovare una miglior definizione visto che essi stessi rifiutano di abbandonare la terminologia propria dell’età giovanile, escludendo tutti i vocaboli generalmente riferiti all’età adulta e all’età senile), che è in un certo senso incapace di vivere il cattolicesimo politicamente. È come se, per un largo strato della cultura cattolica, il Cattolicesimo fosse diventata questione di secondo piano sovrastato da contingenze che di volta in volta venivano indicate come più importanti e prioritarie. A questa sfiducia generale nella verità del Cattolicesimo (perché mettere in secondo piano i cardini di una certa visione del mondo, può significare solamente che si dubita di quella visione del mondo stessa) sono seguite tutte una serie di conseguenze che partendo dalla vita morale dei singoli si sono ripercosse sempre più ferocemente in tutti i meandri della società, fino al punto da spingere gruppi di credenti ad essere incapaci di esprimere chiaramente il Cattolicesimo ad altri credenti. Il sovrabbondare di documenti fumosi che nascondono le questioni sotto etti di nebbia ne è una prova lampante.

Ovviamente in questa confusione generale il termine di cattolico per un politico è diventato semplicemente un’opportunità. Invece che rispecchiare una reale propensione per la verità è andato a significare una reale propensione a prendere i voti in un elettorato più o meno moderato e molto più attento alla forma che non alla sostanza dei problemi. Ad esempio è inconcepibile che un politico cattolico non attacchi frequentemente e frontalmente il genocidio legalizzato chiamato aborto, e, si badi bene, non lo dovrebbe attaccare in quanto credente in Gesù Cristo, ma in quanto amante della verità. Infatti il politico cattolico non ha alcun interesse, come politico, ad imporre una fede (andrebbe anzi contro la fede che professa facendolo), ciò che deve fare è riportare il buonsenso, cioè il rispetto della verità. La giustizia ci sovrasta tutti, questo dovrebbe dire un politico cattolico; non perdere il proprio tempo ad infangare questa o quella vita personale, perché sta scritto di non giudicare, per non essere giudicati e che con la misura con la quale misuriamo saremo misurati e la Chiesa, fedele a questa linea, ha ribadito anche recentemente che si condanna il peccato, ma non il peccatore.

Come ripartire? Se si vuole davvero una nuova generazione di politici cattolici, prima di tutto bisogna scollegarsi dalle vecchie logiche della politica e del reclutamento partitico (i partiti per loro natura tendono ad uniformare l’opinione dei loro membri, vogliono individui, non persone, ma è alle persone che si rivolge il Cattolicesimo), e poi, so che quello che sto per dire può suscitare grande stupore… ma per avere politici cattolici bisogna cercare… fra i cattolici. Cioè bisogna che i nuovi politici cattolici siano veramente e fermamente convinti che Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo, perché i problemi partono tutti da qui, partono dall’idea che “cattolico” sia una griffe, una specie di tessera del PD o del PDL, qualcosa che all’occorrenza possa essere negoziato, taciuto o, perfino, dimenticato, fino alle prossime elezioni beninteso. Tuttavia fino a quando nemmeno chi auspica questa nuova generazione non si mostrerà fermamente convinto nella verità del Cattolicesimo, i nuovi movimenti flirteranno con il mondo uscendone inevitabilmente sconfitti, perché non c’è luce dove è stato tolto il fuoco.

Pensioni, sanità, istruzione, cassa integrazione… quello che i tecnocrati dell’UE vorrebbero toglierci.

Recentemente Draghi, governatore della Banca Centrale Europea, ha dichiarato che il modello sociale europeo è morto, intendendo dire che vanno sistematicamente smantellate le garanzie date alle persone in Europa. Ovviamente come scusa di questa sparata è stata presa la crisi economica, ma c’è un punto che sfugge sempre nei discorsi di questi signoroni della politica: la crisi è partita dal mercato finanziario ed è stata dovuta al mercato finanziario, in tutto questo cosa c’entra il modello sociale? Sì, perché si sta usando la scusa della crisi per toccare e distruggere sistematicamente ogni conquista (a volte anche ingiusta, ma non certamente ingiusta nel suo complesso) a favore dei grandi gruppi finanziari ed industriali e di una politica economica miope, che invece che penalizzare le aziende che esportano il lavoro dove esiste una schiavitù legalizzata (come la Cina) mira ad importare la schiavitù legalizzata. La storia ha insegnato poco, dovrebbe essere ormai chiaro da molti decenni che è inutile avere una grande produzione quando non esiste un mercato in grado di assorbirla.

Collegato c’è il discorso della flessibilità, il problema non è la flessibilità di per sé, ma il modo selvaggio in cui è stata introdotta. Essere flessibili significa avere dei rischi maggiori, dunque un impiegato flessibile deve avere nel suo stipendio un equo premio per il rischio. Ben venga il lavoro flessibile, purché molto più retribuito del lavoro a tempo indeterminato, questa, oltre che una legge economica, è anche una regola di buonsenso.

Dunque bisogna riprendere a considerare ogni mercato nella sua specificità, abbandonando l’idea, in cui sguazzano i grandi gruppi finanziari, che l’eliminazione sistematica di qualunque frontiera economica sia sempre un dato positivo. E, secondariamente, in ogni mercato, equamente differenziato dai mercati non compatibili, va ristabilito un principio di equità in cui rischio e merito vengano giustamente ponderati per stabilire il guadagno economico. Tuttavia la cosa principale l’ho lasciata per ultima: è necessario e, ribadisco, necessario, che al centro di tutto il sistema economico venga posta la dignità della persona umana. Gli uomini non sono giocattoli: far lavorare una persona venti ore al giorno non è giusto nemmeno se ciò facesse aumentare l’economia (cosa che fortunatamente, da noi, non avviene visto che non basta chi produce, ma è necessario anche chi consuma), egualmente distruggere una famiglia per avere due redditi invece che uno non è umano, privare i bambini dei propri genitori nemmeno, creare una generazione di infelici neppure. Fortunatamente gli economisti di oggi sono i residui di ieri, il toro che hanno provocato è già alla carica e loro sbraitano odorando la propria fine. Chi semina vento, raccoglie tempesta.

Come avere successo

Le persone che hanno successo sono quelle che riescono ad impegnarsi, a dare tutto per un progetto, a concentrare le loro energie. Una cosa di cui siamo capaci tutti; quando non ci riusciamo è segno che quel progetto non rispecchia davvero ciò che vogliamo. Ma cosa vogliamo esattamente? Vogliamo ciò che reputiamo buono. Questo è universalmente vero, noi desideriamo ciò che reputiamo buono. Così chi segue la carriera lo fa perché reputa buono il successo economico, oppure l’approvazione sociale, o ancora l’indipendenza e l’apparente autosufficienza. Chi vuole il potere reputa buono il poter decidere senza essere sottomesso, oppure reputa buono ciò che può fare con il potere, o ancora reputa buone le conseguenze delle sue azioni o, peggio, il poter dominare gli altri. Chi studia reputa buona la conoscenza, oppure il riconoscimento sociale, oppure il soddisfare alle aspettative dei genitori, o, anche, il lavoro che potrà ottenere con il proprio studio. Questi sono solo alcuni esempi nemmeno esaustivi, tuttavia ciò che importa è che a muoverci è la nostra idea di bene. O meglio ciò che intimamente reputiamo bene, non ciò che a parole riteniamo bene. Una conseguenza di ciò è che le persone, che non riescono veramente a sposare un progetto nella propria vita, sono divise. Evidentemente dentro di loro ci sono più idee di bene che rivaleggiano e, non prevalendone nessuna, la conseguenza è una stasi perpetua.

Non avere una visione del bene significa dissipare le proprie forze, in questa situazione si trova, ad esempio, chi vorrebbe cambiare università e non ha il coraggio di farlo, da una parte è buono non sprecare ciò che si è fatto fino ad ora, dall’altra è buono seguire ciò che ci realizza veramente. Egualmente da una parte è buono soddisfare le aspettative di chi ci circonda, dall’altra è buono coltivare le nostre. Così per il lavoro, da una parte le sicurezze, dall’altra le ambizioni; da una parte la carriera, dall’altra la famiglia. Quando siamo divisi dai dubbi non possiamo dare il massimo, e siamo divisi perché non scegliamo fino in fondo. In questo stato si può vivere per anni, vite intere, però questo non è lo stato di chi ha successo. Chiunque abbia successo si distingue per la capacità di credere fino in fondo alla propria idea di bene, per la capacità di dare tutto per essa, per la capacità di essere forte in essa.

La risposta che determinerà il nostro successo è la risposta, vissuta, ad una semplice domanda: “Per chi? Per chi combatte la mia spada?”.

Come ti guarda Dio

“Dio non può esistere! Guarda quanto male!” “Se Dio esiste dovrà chiedermi scusa.” “Ho pregato così tanto per mia nonna ed è morta lo stesso, Dio non esiste.” “Quei quattro poveri ragazzi, bruciati vivi, Dio non esiste e se esiste è cattivo.” “Guarda non riesco nemmeno a comprarmi un’auto decente, ed una volta ho pregato anche Dio, se esiste perché non mi dona un’auto?” “Ti dimostro che Dio non esiste, gli do 5 minuti per fulminarmi, al termine dei 5 minuti avrai la prova che Dio non esiste” “Mi sono fatto da solo, la mia vita è merito mio” “Certo che esiste Dio; e no, non do mai nulla ai barboni, cosa c’entra?” “Se Dio esiste perché sono brutto? Se da Dio viene il brutto allora anche Dio, se esiste, deve avere dentro di sé il brutto!”.

Queste obbiezioni hanno tutte qualcosa in comune; presentano errori di ottica. Quando interpretiamo le azioni di Dio, dobbiamo capire ciò che è veramente importante, Dio agisce per il meglio. Il meglio è la vita eterna, se in questa vita diveniamo re del mondo, ma poi perdiamo la nostra anima nulla vale. Se per la materia che otteniamo danniamo lo spirito, ci chiameremo sventurati per l’eternità. Eppure la nostra ottica, qui, è così limitata che non capiamo come siamo guardati, con che infinito amore il Signore accudisce i nostri desideri, in che modo ci dona ciò che vale davvero. Nel processo di beatificazione del Santo Curato D’Ars ci fu una testimonianza riguardo ad una ragazza cieca, ella era andata dal Santo per guarire, il Santo, per ispirazione soprannaturale, le disse che poteva certamente guarire, ma che da cieca si sarebbe salvata sicuramente, mentre, vedendo, la sua salvezza sarebbe stata incerta. La ragazza andò a casa gioiosa della propria cecità. Arriverà un giorno in cui capiremo tutto, in cui vedremo quante volte Dio, con dei mali apparenti, ha suscitato grandi beni per la nostra anima; benediremo quei “mali” e gioiremo dei loro frutti.

 Tuttavia l’azione di Dio non è mai invasiva, ci dona tutto ciò che ci serve, ma la scelta è solo nostra. Noi siamo liberi; profondamente, costituzionalmente liberi. Nel nostro cuore sappiamo qual è la verità anche se l’abbiamo annegata, anche se sono anni che non l’ascoltiamo, anche se ci infastidisce al punto da farci diventare testimoni della menzogna, ansiosi di trascinare gli altri nell’errore. La verità è lì, per noi, la conoscevamo e ora non la conosciamo più. Alla fine della nostra vita non ci verrà chiesto conto di quante cose abbiamo avuto, ma di cosa siamo diventati. Una sola domanda spalancherà le porte del Paradiso davanti alla nostra strada, una domanda semplice e allo stesso tempo complessa, il Signore della Gloria, in uno slancio d’amore, ci chiederà semplicemente: “hai amato?”. E quale sarà la nostra risposta?

Complotto segreto per uccidere Benedetto XVI!!!!

Il Papa morirà entro novembre 2012, a causa di un complotto, questo è il succo di un articolo del Fatto Quotidiano di cui potete trovare un sunto sul sito del Giornale. Ci risiamo, sempre la solita storia, perché questi articoli funzionano? Semplice, perché vorremo sapere il futuro. Così oroscopi, cartomanti ed ogni forma di divinazione. Il punto è proprio quello, i giornali non sono interessati davvero a dare questa notizia, quanto piuttosto a provocare il prurito del pubblico. Possono essere previsioni Maya, oppure previsioni di studiosi d’altri tempi, come Bendandi, oppure improbabili teorie scientifiche, l’importante è grattare lì dove l’uomo si sente incerto, cioè il suo avvenire. Sì, perché l’uomo senza fede è proprio così, un tronco in balia dei flutti. Se nulla veglia su di noi, se esiste solo il caos, l’uomo è un fuscello circondato da fiamme. Alla fine la nostra vita è fragile ed appesa ad un filo, sia a livello fisico che psicologico, un filo che può essere in ogni momento spezzato dagli eventi. Così vorremmo squarciare il velo di un futuro insensato e, quindi, probabilmente ostile.

Poi c’è il complotto, anche il complotto ci solletica, perché soddisfa la nostra voglia di dare la colpa agli altri, di attribuire gli eventi a minoranze organizzate (con cui spesso è facile prendersela), il complotto ci toglie le responsabilità dalle spalle, perché ha l’aura dell’ineluttabile. Noi non abbiamo sbagliato, se l’economia va male è colpa degli ebrei organizzati, se il mondo va verso l’immoralità è colpa di quattro massoni che hanno saputo diffondere le riviste porno, se la Chiesa scompare è colpa della tale corrente (un po’ come dire che il male è più forte del bene e che una corrente malvagia sa soffocare tutte le correnti giuste). È più facile perché non ci costringe a porci davanti alle nostre responsabilità di singoli; permette di mantenere il mito di un popolo di giusti schiacciato da un’orribile minoranza di malefici. È più semplice dare la colpa a cento ebrei che si trovano una volta l’anno che non riconoscere la nostra responsabilità e la responsabilità delle idee che abbiamo diffuse e che continuiamo a diffondere.

Esiste poi un altro aspetto dei complotti: i complotti ci fanno sentire intelligenti. Nel momento in cui riteniamo di aver scoperto qualcosa di più vero rispetto a quello in cui credono gli altri, che per definizione, essendo altri da noi, sono più beoti, ci sentiamo meglio. Noi si che sappiamo leggere i segni dei tempi, poco conta che non si faccia nulla per migliorare le cose, l’importante è essere illuminati, non mischiarsi con il popolino, crogiolarsi assolutamente inattivi (sia dal punto di vista fisico che mentale) nella nostra presunta conoscenza. I complotti addormentano; non si è mai sentito, infatti, di un condottiero seduto sugli allori, quello è tipico dei tiranni.

Invece noi come uomini dobbiamo avere fiducia nel futuro perché nulla accade per caso e, soprattutto, dobbiamo agire per cambiare le cose. A chi crede ai complotti dico: se cinque persone consapevoli possono guidare il mondo verso il caos, altre cinque non possono forse riportarlo alla luce? E a chi non ci crede dico: il seme della decadenza è dentro di noi, dentro il nostro modo di comportarci tutti i giorni, dentro la nostra noncuranza, dentro il nostro adeguarci all’andare del mondo. Così, divenuti consapevoli, alziamoci e costruiamo un mondo migliore.

Un Nuovo Ordine Mondiale

“Nessuno potrà opporsi” è la strada avviata dai tanto osannati organismi internazionali, abbandonare totalmente anche ogni semplice parvenza di democrazia per creare una nuova aristocrazia chiamata “tecnocrazia”. Ed il problema di fondo non è questa svolta, ma la scelta di queste nuove guide, scelte non fra persone in grado di guardare al bene, ma fra coloro che meglio interpretano lo spirito economico dell’epoca. Uno spirito economico che, come mostrano gli eventi, ha già profondamente fallito. Uno spirito economico che vede l’uomo come un numero. Uno spirito economico che rinnega ogni radice ed ogni etica nella rincorsa di una crescita tumorale come non se ne erano mai viste prima a memoria d’uomo. Ognuno per sé, verso l’abisso.

L’umanità ha i suoi anticorpi e il mondo che sta bruciando lo dimostra.

Ripartiamo da qui.

“Per costruire il futuro voglio cambiare me stesso, nel presente.”

Si fa un gran parlare di riforme, di leggi, di come deve essere lo Stato del futuro; tutto inutile. Per quante leggi ci siano, per quanto perfette esse siano, per quanto siano ben pianificate, se esse non entrano nei cuori dei singoli saranno vane. La giustizia funziona solo con chi ci crede; si vede anche ad un livello molto empirico: chi spende parecchie migliaia di Euro di avvocato per una cosa da poco? e chi ci obbliga a rispettare una legge penale nel segreto? La giustizia funziona solo fra gentiluomini. Per quanti esattori ci siano non saranno mai controllati tutti gli scontrini, per quanti poliziotti mai tutti i vicoli, per quanti vigili mai tutti i parcheggi.

La politica, lo Stato, deve ripartire da qui, dall’educazione morale dell’uomo. Per troppo tempo il potere, nel suo senso più positivo, ha abdicato all’educazione umana. Per anni c’è stato ripetuto che nelle scuole non si devono insegnare i valori: sciocchezze, ogni insegnamento, di qualunque tipo, comunica un valore. Per anni ci è stato detto che i bambini vanno cresciuti in autonomia: sciocchezze non esiste un’autonomia del bambino, esso assorbe sempre e comunque i valori che lo circondano. Abbiamo abdicato al bello e al buono per lasciare che ogni valore prepotente emergesse. È ora di finirla, siamo uomini.

Il futuro riparte da qui, da un’umanità con una morale, da una umanità di probi, di uomini insomma. Per costruire il futuro voglio cambiare me stesso, nel presente.